RELEASES ARTISTS LIVE MP3 SHOP CONTACT
-AUTUNNA ET SA ROSE-

 

AUTUNNA ET SA ROSE - «L'Art et la Mort»
A5 CD ARK Records, 2006
ARK008
Euro 14 [buy now!]

The project behind the new work by Autunna et sa Rose seems quite different and more varied than the previous ones, pursuing the fixed idea of the concept album through different schemes and strategies. In fact, after having reached the conceptual top in the music-theatre opus Sturm, whose script has been completed and definitively rearranged in 2003 (and now even ready for a future mise-en-scène…), and after having shown our expressive and executing abilities in a special live acoustic show contained in Odos eis ouranon, a recently issued double CD with Ataraxia, we decided to work up an apparently trivial idea, probably already undertaken, successfully or not, by several musicians.

This is a collection of tracks by artists of a recent past, most of them related to the wave-gothic/industrial genre. Even if already brought to success in the past, they have been now skilfully revised and somehow adjusted: in conformity with a certain contemporary sensibility, the present compositions are the result of an interpretation based upon some unexpected literary reverberations, which, in our opinion, even the original songs could have had since their birth. Therefore, by following a sort of de-structurating process, typical of cubist artists, like in a Braque’s picture the original tracks have been reduced to puzzle pieces and then further shredded, contaminated and totally tattered, each time according to different parameters, depending on the various occurring needs: finally, the puzzle pieces have been reassembled often in such an amazing way that it seems they got a brand-new life (only apparently independent from that generating cell).

Beside the above-explained concept, which strictly concerns music composition, also the set of literary sources which the whole work refers to is basically important in order to trace out a spiritual path aiming to stimulate our personal research on the quintessence of death, soul and eternal life, and once again relating to Antonin Artaud, who we consider as the sublime prophet.

Thus, by recovering various writings by some loved authors, already quoted during the past years, we have tried to create a sort of “bridge” between the ages and therefore modern musical theories have been brought closer to poetic words and verses of one century ago, or at least of the 20th century, in order to restate the deeply atemporal sense of the Arts and meanwhile reassess the role of the Work, as actually dissociated from its author. Unfortunately authors have been gaining so much importance nowadays as to cause some paradoxical situations: for instance, there are some musicians who feel quite fulfilled just if they play tracks written by other people and every time they SPECIFY EXACTLY the author and make every effort to look like him, in an absurd research of losing their creative personality with the only aim to clone his success …: let’s think about the widespread phenomenon of cover-bands.

Therefore the research and creative development work behind these tracks is to be considered absolutely substantial: on the whole, the works must be a vehicle of ideas and emotions in a wider range of risk, that is, they can actually convey MORE than we all have ever imagined and our aim is just to SEARCH for these different emotions and show them to those who will have the patience to listen.

This work is obviously the result of a process of a deeply internalising process of the original messages, in fact the work starts with an amplified revision of our old track L'Art et la Mort (re-titled Qui, au sein…, which is exactly the title of the here recovered written work), referring to the homonymous Artaud’s work, which appropriately gives the title to the whole project.

Also the second track Quand nous reverrons-nous? contains a quotation from the same work by the ingenious French author, and it is a de-structurated version of Decline and Fall by early Virgin Prunes. After this, there follow two tributes to friend bands which have influenced my musical growth too: Tuxedomoon in a dreaming minimalist version of Egypt (here re-titled Kyfi), re-moulded for piano and electric guitar from the original, but still able to keep older improvisatory inclinations; Ataraxia in an ethereal version of their track Canzona, here written for the classical trio soprano/cello/piano, the only track where we have decided to keep the original Francesca Nicoli’s lyrics, rich in suggestively poetic images and not casually already quoted in the second scene of the Sturm opus, and for this reason now re-titled Lune et arcades, with reference to the moment when the character Lybra is descending from the October moon.

Also the following track was written for the classical trio: Ostia is a substantially de-structurated manipulation of the original track Ostia (The Death of Pasolini) by Coil, here designed to recover one of the last writings by the Italian poet-director, incredibly full of gloomy presages of his approaching terrible end.

The relationship between the next track and the literary work here referred to is much closer, and in some sense you can even affirm it is essentially its “son”: in fact, Anywhere out of the World is, as well as the title of one of the older classics by Dead Can Dance, principally a famous poème en prose written by Charles Baudelaire, whose subtitle is exactly N’importe où hors du monde. The key-structure of the track is the dialogue between the poet and his soul, the framework of its destructurating process, which still keeps definite (but surely well hidden!) links with the original Brendan Perry’s version.

With the same absolutely ironic approach the Slovene band itself might have dared, the next track has been transformed into a de-structurated form: so Laibach’s track Leben-Tod has been retitled Neue Wirklichkeit, and it offers some mocking rhythmics and connects the topic of the song with the work and philosophical thought of the great Viennese painter-architect Friedensreich Hundertwasser, here quoted with one of his most famous maxims and furthermore mentioned because he justified a possibility of an existence after death.

Through special emphasis given to exasperated tones there follows a real celebration of noisy sounds in the track Ewig-Dunkel, a de-structurated version, here electronically reconstructed, of a famous old track by Einstürzende Neubauten, Der Tod ist ein Dandy, now juxtaposed with Der Tor und der Tod, a theatre piece by Hugo von Hofmannsthal. We recovered the final verses of the poem, where Death pronounces some lapidary and funereal words, after he led the protagonist to his end and before getting out of the scene, disappearing into the darkest void of the eternal nonentity…

Finally the work gets to its natural end through a perversely de-structurated form (as only the famous English band could inspire…) of the track Antonin Artaud by Bauhaus, here re-titled Et je me souviens aussi de… and juxtaposed with one of the last heretical writings by the French genius, as he reached a state of total insanity and full degeneration, as the result of the countless electroshocks he suffered in the long stay in a psychiatric asylum. The special technique of exclusive use of vocals, often filtered and distorted in an inhuman manner, reminds of those inner voices, witnesses of the state of deep total alienation he reached shortly before his end.

AUTUNNA ET SA ROSE:
Sonia Visentin: soprano
Simone Montanari: cello
Gianluca Lo Presti: electric guitars, electronics, programming
Disorder: vocals, grand piano, percussive effects, radios, electronics, sampled orchestra and composition

with
Laura Lo Buono violin in Neue Wirklichkeit

TRACK LIST
01. Qui, au sein…
02. Quand nous reverrons-nous?
03. Kyfi
04. Lune et arcades
05. Ostia
06. N’importe où hors du monde
07. Neue Wirklichkeit
08. Ewig-Dunkel
09. Et je me souviens aussi de…

 
SOME REVIEWS
 

Teatro? Musica? Letteratura? Filosofia? "L'Art et la mort" è un concept che può essere tutto questo ed il suo contrario, e sfugge alle facili classificazioni come un pesce che si dibatte tra le mani. Il CD, inconsueto già dal booklet che ricorda più i piccoli cataloghi che di solito troviamo alle mostra di pittura ed il cui concept per la massina parte è da attribuire a Disorder, è una collezione di pezzi di artisti che hanno a che vedere direttamente o indirettamente con l'area wave-gothic/industrial reinterpretati, o meglio destrutturati in linea con la lezione cubista di Braque, ( e ritorna la commistione concettuale musica/pittura), e restituiti al fruitore densi di contenuti e sfaccettature nuove, alcune inserite da Disorder, altre probabilmente da sempre contenute nella struttura atomica dei brani, ma da sempre intrappolate negli schemi delle partiture originali ed ora liberate dal lavoro degli Autunna et sa Rose e che li rendono apparentemente "altra cosa", ma solo apparentemente. Su queste tracce aleggia poi lo spirito errante di Antonin Artaud, mentore della ricerca filosofica dell'inconoscibile dietro il mistero della morte e della vita eterna. E' curioso notare come le composizioni di artisti importanti , (alcuni dei quali personalmente apprezzavo molto nei primi anni 80 e che non sentivo più da molto tempo come Virgin Prunes ed Einsturzende Neubauten, o che hanno nel tempo manifestato una influenza indiretta anche in aree a noi più congeniali come i Bauhaus), manifestino una voglia di esprimersi oltre il conosciuto, e di far fluire dalla scomposizione operata nel CD aspetti di insospettata vitalità. Nulla a che vedere quindi con la semplice reiterpretazione di brani, per altro così in voga al giorno d'oggi, ma, molto Braqueianamente, necessità di andare oltre la forma. Il lavoro si apre con la nuova versione di "L'Art et la Morte", qui reintitolata "Qui, au sein", come lo scritto di Artaud, ed è soffertamente recitata da Disorder. L'autore francese viene utilizzato anche nella seguente "Quand nous reverrons-nous"?, versione destrutturata di Decline and Fall dei Virgins Prunes. Si prosegue con destrutturazioni di canzoni di gruppi in stretti rapporti con gli "Autunna...", incontriamo quindi "Kyfi", versione di Egypt dei Tuxedomoon per piano e chitarra elettrica, per poi passare a "Lune et Arcadia" , niente altro che "Canzona" degli Ataraxia proposta per trio classico piano/cello/soprano con il testo di Francesca Nicoli che racconta la discesa di Lybra dalla Luna d'Ottobre. Medesima proposta in trio per "Ostia", destrutturazione di "Ostia (The death of Pasolini)" dei Coil con testi premonitori dello stesso Pasolini. "Anywhere out of the world" dei Dead can dance diventa "N'importe où hors du monde", dialogo tra poeta e anima di Baudelaireiana memoria. "Nueu wirklichkeit" ,(Leben-Tod), è da porre in relazione con il lavoro del pittore/architetto Austriaco Hundertwasser e la sua affermazione della possibilità dell'esistenza post-mortem. "Ewing-Dunkel", (destrutturazione di "Der tod ist ein Dandy" degli E. Nuebauten), è messa in giustapposizione con la piece "Der tor und der Tod" di Von Hofmannsthal. Giungiamo a "Et je souviens aussi de..." tratta da "Antonin Artaud" dei mitici Buahaus, pezzo al quale sono molto legato perchè lo vidi a suo tempo eseguire dal vivo dalla storica band Inglese, e che qui, mediante speciali distorsioni vocali, ci fa rivivere la sofferenza del pensatore ricoverato in ospedale psichiatrico tramite le sue stesse parole. E' il piano di Disorder in "Hidden track" a condurci al termine del viaggio sofferto di "L'art et la mort". Disco difficile, poco affine alle sonorità tipiche trattate in questo sito e che probabilmete rende di più accompagnato da altri mezzi di espressione visiva, ma da consigliare a chi vuole andare oltre ed apprezza cose come Ataraxia et similia.
[Francesco Gallina "Raven" - Metallized]

 

L’album degli Autunna et sa Rose sarebbe degno di molto più di una semplice recensione su una webzine come questa. Questo progetto tutto made in Italy ci propone un’opera che va ben oltre il semplice aspetto musicale, realizzando una vera e propria rappresentazione teatrale trasposta su CD.
Più precisamente, l’album vuole essere un tributo ad Antonin Artaud e al suo Teatro della Crudeltà, e proprio come questo riesce a colpire l’ascoltatore, ad essere una genuina, violenta scossa in grado di traumatizzare le sue sensazioni.
Volendolo inquadrare in ambito prettamente musicale, potremmo parlare di un concept album che molti critici amanti delle definizioni inquadrerebbero come “gothic” per via delle atmosfere ora notturne, ora romantiche, sul filone degli Ataraxia e i Dark Sanctuary ad esempio. Tuttavia, non volendo essere così limitativi, banali e soprattutto inesatti, definiremo “L’Art et la Mort” semplicemente come una meravigliosa, emozionante piéce di teatro della crudeltà, in cui la musica ora fa da sottofondo a poesie di Artaud, Pasolini, Baudelaire e von Hoffmanstahl, ora diventa essa stessa poesia che non ha bisogno di parole, ora ci trafigge con note disperate.
Molte musiche alcuni di voi le riconosceranno agevolmente, trattandosi spesso di rielaborazioni di pezzi già noti ad opera di artisti come Coil, Ataraxia (Francesca Nicoli fra l’altro è ospite in “Lune et Arcades”) e Dead Can Dance. Ma la vera potenza di quest’album sta nella sua teatralità disperata, nella sua intensità che rapisce e sconvolge tanto l’ascoltatore quanto la forma-canzone più in generale.
Non si tratta di un ascolto facile, quanto piuttosto di una rappresentazione di meravigliosa, criptica avantgarde artistica destinata a lasciare il segno in chi sarà in grado di apprezzarla. Per il resto, non ci possono essere che applausi per Disorder, mente del progetto, e i bravi musicisti che hanno contribuito a quest’opera.
[Fabio Rezzola - Rocklab]

 

I nuovi percorsi della ricerca
Il progetto Autunna Et Sa Rose rappresenta perfettamente l`ensemble inclassificabile, che riesce sempre a spiazzare e sfugge pertanto a catalogazioni. Autunna Et Sa Rose non è un semplice gruppo musicale, è prima di tutto un gruppo di persone, capeggiate da Disorder, che seguono una loro urgenza di sperimentare attraverso la musica, i suoni, la cultura e l`arte in tutte le sue diramazioni. Questo nuovo "L`Art et la Mort" è esaustivo.
La base su cui si è poggiata la lavorazione non è semplicemente la realizzazione musicale ma è una scelta che parte dal concetto, e, si scusi il gioco di parole, dal concetto del concept.
Anche questo album, come lo fu ma in una ottica più canonica "Sturm", è un concept, ma un concept che non viene legato da un tema che si fa filo rosso e percorre così l`intero lavoro. Alla base c`è un`idea di ricerca che mette insieme elementi e stilemi altrimenti slegati.
Se uno ascoltasse l`album senza sapere cosa lo tiene insieme faticherebbe a indovinarlo.

La base si ritrova nel tentativo di rivedere alcuni classici della tradizione dark wave / industrial in una ottica che si abbevera della poesia e dell`arte dadaista. Dalla copertina omaggio ad Artaud, a Braque all`idea di destrutturare un suono composito, atomizzarlo e ricrearne uno nuovo. E onestmente il risultato è talmente particolare che risulta davvero difficile riscoprire l`origine, perché in "L`art et la Mort" all`origine si affianca l`originalità della revisione che è un nuovo processo di creazione ben lontano dalla semplice idea di cover.

Il suono che ne risulta è un incrocio di musica neoclassica, strutture sperimentali, influenze psichedeliche, bellissima la trasmutazione di "Egypt" dei Tuxedomoon in "Kyfi", e strizzate d`occhio istrioniche, si pensi allo stile spesso sopra le righe del cantato di Disorder, che rimanda al teatro.
Il risultato finale spesso impressiona e colpisce; uno degli elementi che più ho apprezzato è il fatto che al di là del substrato teorico il suono di Autunna et Sa Rose non ricerchi mai la soluzione facile, melodica e pop, ma in ogni frangente punti alla realizzazione di un sound che non ceda a compromessi di genere, e si immagini quanto al contrario sarebbe stato facile da una idea del genere tradurne canzoni per il popolo tutto.

"L`Art et la Mort" è un album difficile, studiato e pensato in ogni frangente, che si avvale di collaborazioni importanti, Francesca Nicoli che rivede se stessa come in uno specchio distorto, che non ha paura di confrontarsi con la storia, Coil, Laibach, Dead Can Dance e Einsturzende Neubauten e che è perfettamente riuscito nel suo tentativo. Un solo lieve difetto: non sempre ho apprezzato il cantato istrionico di Disorder, ma è questo è soprattutto un parere personale.
Studio notevole.
[Federico Tozzi - Kronic]